Formazione

La formazione che proponiamo nell’ambito sicurezza è quella obbligatoria, determinata dal D.Lgs.81/08 e da diversi Accordi Stato Regioni. Poiché i contenuti della formazione di base sono predeterminati, il nostro contributo è nei modi, nelle tecniche e nella gestione d’aula per renderla interessante e per niente passiva.
I contenuti della formazione specifica sono, invece, dettagliati a partire dal documento di valutazione del rischio e, ancora più del caso precedente, sono resi interattivi e coinvolgenti.

La formazione relativa alle norme tecniche ha lo scopo di illustrare i principi fondanti delle norme, facilitare la comprensione del linguaggio normativo, chiarire i requisiti illustrandoli con esempi e cioè, in sintesi avvicinare le norme alle pratiche operative delle organizzazioni.

---------- 1 - FORMAZIONE SICUREZZA

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

Cos’è

E’ un’attività che dev’essere svolta per tutti i collaboratori dell’azienda – lavoratori, dirigenti e preposti - perché siano formati allo svolgimento del proprio lavoro e perché siano consapevoli delle modalità di gestione del rischio sul proprio luogo di lavoro.

Chi riceve la formazione

Tutti i lavoratori devono essere formati per un numero di ore proporzionato al livello di rischio dell’azienda, gli argomenti della formazione sono determinati dall’Accordo Stato Regioni.
I preposti e i dirigenti “della sicurezza” che hanno responsabilità della sicurezza nei confronti dei colleghi, devono avere più ore di formazione ed argomenti diversi.

Chi eroga la formazione

I criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e la sicurezza sul lavoro sono definiti dal Decreto Interministeriale del 6 /3/2013. Il personale di Sagitta ha l’esperienza e la competenza necessarie.

Chi garantisce la formazione
Il datore di lavoro, nell’ambito della gestione della sicurezza, deve assicurare a tutti i collaboratori un adeguato livello di formazione.

Obiettivo

  • Assicurare a tutti i collaboratori un adeguato livello di formazione sufficiente a renderli consapevoli dei pericoli presenti sul luogo di lavoro e della modalità di gestione del rischio con misure collettive e con misure individuali allo scopo di diminuire il più possibile qualsiasi tipo di danno.
  • Garantire la conformità dell’attività ai requisiti del D.Lgs.81/08

Vantaggi

  • Adempiere a un requisito legislativo, art.36 e 37 del D.Lgs.81/08
  • Crescere la cultura della sicurezza
  • Prevenire comportamenti pericolosi 

Come si fa

In funzione della valutazione di rischio si determinano le esigenze di formazione del personale


1.1 - Formazione generale dei lavoratori

 D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

La formazione generale è rivolta a tutti i lavoratori, la definizione di lavoratori è contenuta nell'art.2.
Il corso di formazione generale ha la durata di 4 ore per tutti i settori ATECO che identificano le classi di rischio (allegato 2 dell’Accordo Stato-Regioni).

Obiettivo

Tutti i lavoratori devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza. (art.37)

Durata

4 ore per tutti i settori

Contenuti

La Formazione Generale riguarda i concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro:

  • concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione
  • organizzazione della prevenzione aziendale
  • diritti, doveri e sanzioni dei vari soggetti aziendali
  • Il sistema istituzionale e gli organi di vigilanza, controllo, assistenza
  • I rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni
  • Le misure e procedure di prevenzione e protezione.

Validità del corso

La formazione generale dei lavoratori ha validità permanente.

Verifica finale 

La formazione generale prevede una verifica finale che può essere svolta mediante un questionario individuale, esercizi di gruppo o test teorici.

Attestato

Alla conclusione della formazione, i lavoratori ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondo eventuali riferimenti legislativi regionali.

1.2 - Formazione specifica dei lavoratori

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

La formazione specifica è rivolta a tutti i lavoratori, la definizione di lavoratori è contenuta nell'art.2
Il corso di formazione specifica ha la durata di 4, 8, 12 ore a seconda del settori di rischio ATECO (allegato 2 dell’Accordo Stato-Regioni).

Obiettivo

Tutti i lavoratori devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza.(art.37)

Durata

4 ore, per i settori della classe di rischio BASSO
8 ore, per i settori della classe di rischio MEDIO
12 ore, per i settori della classe di rischio ALTO
La classe di rischio BASSO, MEDIO e ALTO è indicata nell’allegato 2 dell’Accordo Stato Regioni in corrispondenza del codice ATECO dell’azienda.

Programma del corso

I contenuti della formazione specifica devono esserepersonalizzati sulla base dei rischi effettivamente presenti in azienda. In generale, gli aspetti da approfondire sono:

  • Rischio di infortuni
  • Rischi elettrici
  • Rischi da incendio ed esplosione
  • Cadute dall’alto, utilizzo di scale
  • Utilizzo di attrezzature, macchine
  • Rischio chimico, cancerogeno, mutageno
  • Rischio biologico
  • Rischi fisici: rumore, vibrazioni, radiazioni ottiche artificiali (ROA), campi elettromagnetici (CEM)
  • Ambiente di lavoro: microclima e illuminazione
  • Videoterminali
  • Dispositivi di protezione individuale (DPI)
  • Segnaleticadella sicurezza
  • Organizzazione del lavoro, stress lavoro-correlato
  • Movimentazione manuale carichi: apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto
  • Gestione delle emergenze: procedure di esodo e di gestione degli incendi, procedure organizzative per il primo soccorso
  • Procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico
  • Incidenti e infortuni mancati

Validità del corso 

E’ richiesto un aggiornamento di 6 ore nell’arco dei 5 anni successivi all’erogazione. 
Vedere scheda 1.3 aggiornamento

Verifica finale 

La formazione specifica prevede una verifica finale che può essere svolta mediante un questionario individuale, esercizi di gruppo o test teorici

Attestato

Alla conclusione della formazione, i lavoratori ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondoad eventuali riferimenti legislativi regionali.

1.3 - Formazione generale e specifica dei lavoratori - aggiornamento

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

Ai lavoratori che hanno già ricevuto la formazione generale e specifica e ai lavoratori che hanno ricevuto una formazione adeguata prima dell'entrata in vigore dell'Accordo Stato-Regioni.

Obiettivo

Tutti i lavoratori devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza.(art.37)Perché la formazione rimanga adeguata è necessario l’aggiornamento.

Durata

L’aggiornamento deve avere una durata di 6 ore nell’arco dei 5 anni successivi all’erogazione della formazione precedente.

Programma del corso

  • Cenni all’Accordo Stato-Regioni 2011 e D.Lgs.n.81/08 in materia di formazione
  • Approfondimenti giuridico-normativi
  • Il sistema aziendale della prevenzione e protezione secondo il D.Lgs.n.81/2008: ruoli, obblighi e organizzazione
  • Diritti e doveri dei soggetti del sistema della prevenzione secondo ilD.Lgs.n.81/2008
  • Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori
  • Rischi specifici e approfondimenti richiesti dai lavoratori
  • Contenuti personalizzati per i lavoratori e la loro realtà aziendale.


Validità del corso

Quinquennale.

Verifica finale 

La formazione di aggiornamento prevede una verifica finale che può essere svolta mediante un questionario individuale, esercizi di gruppo o test teorici.

Attestato

Alla conclusione della formazione, i lavoratori ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondoad eventuali riferimenti legislativi regionali. 

1.4 - Formazione dei preposti

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

I preposti della sicurezza devono avere una formazione dedicata, la definizione di preposti è contenuta nell’art. 2 comma1e)

Obiettivo

Tutti i preposti devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza. (art.37 comma7)
La formazione dei prepostiè aggiuntiva rispetto alla formazione prevista per tutti i lavoratori dall’art. 37 comma 1

Durata
8 ore

Contenuti

  • Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità
  • Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione
  • Definizione e individuazione dei fattori di rischio
  • Incidenti e infortuni mancati
  • Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri
  • Valutazione dei rischi dell'azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera
  • Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione
  • Modalità di esercizio della funzione di controllo dell'osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione.
  • Contenuti personalizzati per l’utente e la sua realtà aziendale
  • Validità del corso
  • La validità della formazione dei preposti è quinquennale.

Verifica finale
La formazione dei preposti prevede una verifica finale da svolgere mediante un questionario individuale.

Attestato
Alla conclusione della formazione, i preposti ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondoeventuali riferimenti legislativi regionali.

1.5 - Formazione dei preposti - aggiornamento

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

Ai preposti della sicurezza che hanno già ricevuto la formazione aggiuntiva prevista dall'Accordo Stato-Regioni.

Obiettivo

Tutti i preposti devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza. (art.37 comma7)
Perché la formazione rimanga adeguata è necessario l’aggiornamento.

Durata

6 ore

Contenuti

  • Evoluzioni normative in tema di salute e sicurezza sul lavoro
  • Il sistema aziendale della prevenzione e protezione nel D.Lgs. 81/2008: ruoli, obblighi e organizzazione
  • Diritti e doveri dei soggetti del sistema della prevenzione nel D.Lgs. 81/2008
  • I principi della comunicazione efficace
  • Rischi specifici e approfondimenti richiesti dall’utente
  • Contenuti personalizzati per l’utente e la sua realtà aziendale

Validità del corso

La validità dell’aggiornamento della formazione dei preposti è quinquennale.

Verifica finale

La formazione dei preposti prevede una verifica finale da svolgere mediante un questionario individuale.

Attestato

Alla conclusione della formazione, i preposti ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondo eventuali riferimenti legislativi regionali.

 

1.6 - Formazione dei dirigenti della sicurezza

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

I dirigenti della sicurezza devono avere una formazione dedicata, la definizione di dirigenti della sicurezza è contenuta nell’art. 2

Obiettivo

I dirigenti della sicurezza che hanno l’onere di organizzare in modo adeguato e sicuro l’utilizzo delle strutture e i mezzi messi a disposizione dal datore di lavoro devono avere un percorso di formazione specifico.

Durata

16 ore

Contenuti

Modulo 1. Gestione ed organizzazione della sicurezza

  • Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
  • I soggetti della sicurezza: compiti, obblighi e responsabilità e tutela assicurativa
  • La delega di funzioni
  • La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
  • La responsabilità amministrativa - D.Lgs.n. 231/2001
  • Sistemi di qualificazione delle imprese
  • Sistema pubblico di prevenzione

Modulo 2. Gestione ed organizzazione della sicurezza

  • Modelli di organizzazione e Gestione
  • Organizzazione tecnico amministrativa
  • Gestione delle emergenze
  • Vigilanza e dirigenti
  • RSPP

Modulo 3. Individuazione e valutazione dei rischi

  • Tutela della sicurezza e la salute - rischio, pericolo e danno
  • Individuazione e valutazione dei rischi: criteri e strumenti
  • Valutazione dei rischi: fattori di rischio particolari
  • DUVRI
  • Incidenti e infortuni mancati
  • Misure di prevenzione e protezione e sorveglianza sanitaria
  • Misure tecniche, organizzative e procedurali
  • DPI
  • La tutela assicurativa dei lavoratori

Modulo 4. Comunicazione, formazione e consultazione dei lavoratori

  • Informazione formazione e addestramento
  • Comunicazione
  • Dinamiche di gruppo
  • RLS nomina, elezioni
  • Consultazione e partecipazione RLS


Validità del corso

La validità della formazione dei dirigenti è quinquennale.

Verifica finale

La formazione dei dirigenti prevede una verifica finale svolta mediante questionario individuale 

Attestato

Alla conclusione della formazione, i preposti ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondo eventuali riferimenti legislativi regionali.

 

1.7 - Formazione dirigenti della sicurezza - aggiornamento

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Accordo Stato Regioni per la formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti del 21 dicembre 2011 (art 37 del D.Lgs.n.81/2008)

A chi è rivolta

Ai dirigenti che hanno già ricevuto la formazione prevista dall’art. 37

Obiettivo

Tutti i dirigenti devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza.(art.37 comma7)
Perché la formazione rimanga adeguata è necessario l’aggiornamento.

Durata

6 ore

Contenuti

  • Evoluzioni normative in tema di salute e sicurezza sul lavoro
  • Il sistema aziendale della prevenzione e protezione nel D.Lgs.n.81/2008: ruoli, obblighi e organizzazione
  • Misure di prevenzione e protezione adottata
  • Rischi specifici e approfondimenti richiesti dall’utente
  • Contenuti personalizzati per l’utente e la sua realtà aziendale, con riferimento ai compiti del Dirigente

Validità del corso


La validità dell’aggiornamento della formazione deidirigenti è quinquennale.

Verifica finale 

La formazione dei dirigenti prevede una verifica finale da svolgere mediante un questionario individuale.

Attestato

Alla conclusione della formazione, i dirigenti ricevono un attestato.
L’attestato dev’essere redatto secondo i criteri specificati nell’Accordo Stato Regioni e secondo eventuali riferimenti legislativi regionali.

1.8 - Formazione anticendio rischio basso

D.Lgs.n.81/2008 Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

A chi è rivolta

A tutti i lavoratori nominati come addetti antincendio in aziende con attività a rischio incendio basso.
Le aziende con attività a rischio incendio bassosono quelle che utilizzano sostanze scarsamente infiammabili, dove le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo di focolai e non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme.

Obiettivo

Tutti i lavoratori devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza. (art.37).
Inoltre l’art. 7 del D.M. 10 marzo 1998, a cui l’art. 46 del D.Lgs.n.81/2008 rimanda, prevede che ciascun lavoratore addetto all’antincendio frequenti un corso apposito.

Durata

4 ore, come definito dal D.M. 10 marzo 1998.

Contenuti

I contenuti di questo corso sono:

1) L'INCENDIO E LA PREVENZIONE

  • principi della combustione
  • prodotti della combustione
  • sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio
  • effetti dell'incendio sull'uomo
  • divieti e limitazioni di esercizio
  • misure comportamentali

2) PROTEZIONE ANTINCENDIO E PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO

  • principali misure di protezione antincendio
  • evacuazione in caso di incendio
  • chiamata dei soccorsi

3) ESERCITAZIONI PRATICHE

  • presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili
  • istruzioni sull'uso degli estintori portatili

Validità del corso 

La formazione antincendio deve essere aggiornata, ma la frequenza di aggiornamento viene definita dal datore di lavoro e RSPP in relazione alla valutazione del rischio specifico presente in azienda.

Verifica finale

Il corso di formazione prevede una verifica finale che viene svolta mediante questionario individuale.

Attestato

Alla conclusione della formazione, i lavoratori ricevono un attestato.

1.9 - Formazione sulla norma OHSAS 18001:2007

Cos’è la OHSAS 18001

La norma OHSAS 18001:2007 specifica i requisiti di un sistema di gestione sulla salute e la sicurezza sul lavoro.

Chi riceve la formazione / destinatari

Questo corso è particolarmente consigliato a chi si occupadell’aggiornamento del sistema di gestione sulla salute e la sicurezza sul lavoro o a chi deve introdurlo (Responsabili di sistemi di gestione per la sicurezza, RSPP, datori di lavoro, dirigenti, RLS …).

Chi eroga la formazione

Il personale di Sagitta ha l’esperienza e la competenza necessarie.

Obiettivo

Comprendere le basi dei sistemi di gestione sulla salute e la sicurezza sul lavoro
Comprendere la struttura della OHSAS 18001
Identificare i vantaggi di un'efficace gestione della salute e sicurezza
Comprendere i requisiti dello standard
Identificare i passi successivi verso la certificazione

Prerequisiti

Nessuno

Vantaggi

Introdurre un efficace sistema di gestione sulla salute e la sicurezza sul lavoro.

---------- 2 - FORMAZIONE QUALITA'

2.1.- Formazione sulla norma UNI EN ISO 9001:2015 ---- NOVITA' ----

Cos’è la UNI EN ISO 9001:2015
La norma UNI EN ISO 9001 è la norma più diffusa al mondo e specifica i requisiti di un sistema di gestione per la qualità.
La nuova edizione del 2015 sostituisce la precedente del 2008.

Chi riceve la formazione / destinatari

Chiunque svolga un ruolo che ha impatto sulla qualità del servizio proposto al cliente.
Questo tipo di formazione è particolarmente consigliata a chi dovrà progettare ed attuare le modifiche al sistema qualità esistente per garantirne la conformità ai requisiti della nuova edizione 2015 della norma. 
Ad esempio: responsabili del sistema di gestione per la qualità, responsabili della produzione, operatori dell'area progettazione, etc.

Chi eroga la formazione

Il personale di Sagitta ha l’esperienza e la competenza necessarie.

Obiettivo

Esplicitare le differenze fra le due edizioni della norma, il loro significato e l’impatto sull’organizzazione.

Chiarire il significato dell’approccio Risk Based Thinking.

Elaborare un modello operativo per l'analisi di contesto dell'organizzazione

Approfondire il significato dell’approccio per processi

Prerequisiti

Nessuno

Vantaggi

Gestire efficacemente la transizione del sistema qualità dalla norma UNI EN ISO 9001:2008 all’edizione 2015.

---------- 3 - FORMAZIONE AMBIENTE

3.1.- Formazione sulla norma UNI EN ISO 14001:2015 ---- NOVITA’ ----

maninaCos’è la UNI EN ISO 14001:2015
La norma UNI EN ISO 14001 è la norma che specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale.
La nuova edizione del 2015 sostituisce la precedente del 2008.

Chi riceve la formazione / destinatari

Chiunque svolga un ruolo che ha impatto sulle prestazioni ambientali dell’azienda.
Questo tipo di formazione è particolarmente consigliata a chi a chi dovrà progettare ed attuare le modifiche al sistema di gestione ambientale esistente per garantirne la conformità ai requisiti della nuova edizione 2015 della norma.
Ad esempio: responsabili del sistema di gestione ambientale, rappresentanti della direzione per l’ambiente, etc.

Chi eroga la formazione

Il personale di Sagitta ha l’esperienza e la competenza necessarie.

Obiettivo

  • Conoscere il nuovo approccio del sistemi di gestione ambientale secondo la norma ISO 14001:2015
  • Conoscere le principali novità della norma ISO 14001:2015
  • Avere indicazioni per l’aggiornamento del sistema di gestione ambientale
  • Pianificare le tempistiche di adeguamento.

Prerequisiti

Nessuno

Vantaggi

Riuscire a gestire efficacemente la transizione della norma UNI EN ISO 14001 dall’edizione 2004 all’edizione 2015.

---------- 4 - FORMAZIONE - ALTRE NORME

4.1 - Formazione norma SA 8000:2014

Cos’è

La norma SA 8000:2014 specifica i requisiti di un sistema di gestione di responsabilità sociale.

Chi riceve la formazione / destinatari

Questo corso è particolarmente consigliato a chi deve progettare ed introdurre in azienda un sistema di gestione SA8000 e anche a chi deve aggiornare il sistema esistente adeguato all’edizione precedente della norma.

Chi eroga la formazione

Il personale di Sagitta ha l’esperienza e la competenza necessarie.

Obiettivo

  • Conoscere i contenuti della norma SA8000
  • Analizzare i requisiti della nuova norma SA8000:2014 in confronto con l’edizione precedente della norma
  • Fornire informazioni sui cambiamenti della versione 2014
  • Analizzare le integrazioni con i sistemi di gestione per la qualità, l’ambiente e la salute e sicurezza dei lavoratori

Prerequisiti

Nessuno

Vantaggi

Introdurre un efficace sistema di gestione di responsabilità sociale

4.2 - Formazione norma UNI EN ISO 19011:2012

Cos’è

La norma UNI EN ISO 19001:2012 è una linea guida per la conduzione di audit dei sistemi di gestione.
I sistemi di gestione possono essere quello della qualità, dell’ambiente, dell’etica o della sicurezza e salute dei lavoratori. Gli audit possono essere di prima, seconda o terza parte.

Chi riceve la formazione / destinatari

Tutti coloro che partecipano alla conduzione di audit, di qualsiasi sistema di gestione aziendale di prima, seconda o terza parte.
In particolare questa formazione è strettamente consigliata a chi:

  • ha la responsabilità degli audit dei sistemi di gestione aziendale
  • seleziona i fornitori
  • ha necessità di monitorare le forniture di prodotti o servizi critici affidati a fornitori.


Chi eroga la formazione

Il personale di Sagitta ha l’esperienza e la competenza necessarie.

Obiettivo

  • Conoscenza dei requisiti della norma UNI EN ISO 19011:2012
  • Conoscenza delle metodologie e dei processi di audit propri della UNI EN ISO 19011, applicati ai sistemi di gestione
  • Informazioni sulle capacità attitudinali richieste per tutte le fasi dell’audit: pianificazione, organizzazione, comunicazione e gestione, ecc.

Prerequisiti

Nessuno

Vantaggi

Saper condurre efficacemente l’attività di auditing in azienda

COSMETICI FORMAZIONE